Voci e silenzi della Memoria

filo-spinatoIl 27 gennaio ritorna, ritorna con le sue celebrazioni! Non un puro esercizio di memoria, ma monito a ricordare le atrocità di ieri e a non togliere lo sguardo sulle crudeltà di oggi.  Filo spinato, muri alzati, parole dure freddano dentro donne, bambini e ragazzi. Mani e piedi nudi esposti al rigido inverno balcanico. Oggi come settanta anni fa un grande imbarazzo nel vedere immagini di corpi che lenti, muovono passi di speranza. Ogni tanto una voce si alza e si fa sentire ma dopo poco si spegne in un silenzio assordante o soffocata dal mare in tempesta. Storie diverse, storie passate ma sempre nuove e una domanda richiamata da papa Francesco durante la visita a Lampedusa «Adamo dove sei?», «Dov’è tuo fratello?», sono le due domande che Dio pone all’inizio della storia dell’umanità e che rivolge anche a tutti gli uomini del nostro tempo, anche a noi.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...